• 16
  • Gennaio

“Amulet”, materiali leggeri innovativi: ecco i contributi per le Pmi

Il progetto Amulet –  Advanced Material and Manufacturing Technologies United for Lightweight – ha pubblicato il bando aperto per l’applicazione di materiali leggeri a catene industriali innovative.

L’obiettivo è sfruttare il potenziale innovativo delle Pmi attraverso uno scambio intersettoriale di conoscenze per creare nuove catene del valore. Tutto con l’uso di materiali leggeri avanzati per contribuire a ridurre le emissioni di CO2, incrementando l’efficienza energetica e delle risorse.

Le attività proposte dovranno rivolgersi allo sviluppo e all’implementazione di azioni dimostrative di tecnologie e sistemi applicabili a una delle Open Challenges previste, nonché promuovere l’integrazione di innovazioni tra settori e catene del valore materiale. Esse dovranno prevedere l’impiego di uno dei tre materiali leggeri utilizzabili (composti a base di polimeri, leghe metalliche leggere e composti a matrice ceramica) in uno dei quattro settori industriali coinvolti: Automotive, Aerospaziale e aeronautica, Energia, Costruzioni.

I progetti selezionati riceveranno supporto da Amulet per un periodo di massimo 15 mesi grazie a un piano di selezione progressiva che permetterà fino a 36 consorzi di presentare le proprie soluzioni, seguita da uno studio di fattibilità quadrimestrale per un massimo di 26 proposte, una fase di dimostrazione di 9 mesi (riservata a un tetto di 7 progetti) e uno stage finale bimestrale di supporto all’innovazione per quelli che passeranno la valutazione dei milestone.ù

Possono partecipare al bando micro-consorzi di 2 o 3 enti legali, preferibilmente transfrontalieri e anche composti esclusivamente da PMI, che abbiano sede in uno Stato UE o in uno dei Paesi e Territori d’Oltremare, in un Paese associato a Horizon 2020 o in Regno Unito.

Il budget totale di fondi UE è pari a poco meno di 1.2 milioni di euro, con un tetto massimo di 120.000 euro di contributi a fondo perduto per micro-consorzio e non più di 60.000 euro per ciascun ente partecipante. 

Le domande fino al 22 marzo 2023.